Antiche lezioni per moderni dilemmi

Due squadre di studenti delle scuole superiori di Piemonte e Valle d’Aosta si sfidano in una competizione oratoria strutturata in termini sportivi.

Obiettivo di ciascun gruppo è convincere i giudici della bontà delle proprie ragioni su temi antichi che riguardano ora come allora il cittadino.

a cura di
Elisabetta Berardi, Marcella Gugliemo, Massimo Manca

in collaborazione con
Accademia delle Scienze
Dibattito e cittadinanza – Rete del Piemonte
Rete Nazionale dei Licei Classici
Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte

SEMIFINALE 1

giovedì 17 ottobre ore 16.00 // il Circolo dei lettori

L’inganno del vero persuasore
introduce MATTEO NUCCI // scrittore

Il primo fu Odisseo: astuto e scaltro, mostrò che a volte è necessario mentire per convincere della verità. A dimostrare la correttezza del suo atteggiamento fu Platone, che nella Repubblica chiarì come parole false possano generare verità nell’animo.

SEMIFINALE 2

venerdì 18 ottobre ore 16.00 // Accademia delle Scienze

Sulla scuola
introduce MARCO BALZANO // scrittore

La scuola (dal greco scholè) era l’otium, il tempo libero di chi, non obbligato a lavorare, poteva dedicarsi a fare le cose desiderate, fra cui lo studio (da studium, amore del sapere, filosofia). Ma i giovani, oggi, si sentono troppo spesso più scolari che studenti.

LA FINALE

sabato 19 ottobre ore 11.30 // Accademia delle Scienze

Platone. Storia di un dolore che cambia il mondo
saluti di CARMELA PALUMBO // direttore generale – capo dipartimento MIUR | introduce ANNALISA AMBROSIO // scrittrice | a partire dal libro Bompiani

Aristocle, cresciuto ascoltando storie, miti e musica, prova il primo vero dolore a ventotto anni, il giorno della morte di Socrate, suo mentore. Ora che il rischio non è morire per un’idea ma la mancanza di idee in cui credere, avere una storia buona, come questa, è fondamentale.