2019 | LA VERITÀ CI RENDERÀ LIBERI

La verità ci renderà liberi: un augurio e una speranza.
Siamo abituati a percepire un potere che occulta gli arcana dominationis, che viene sentito come ingannevole e oscuro, ma mai come in questo tempo sentiamo il bisogno di trasparenza e di affermare il diritto alla verità contro le falsificazioni, il diritto di essere tutelati nel nostro bisogno di reciproco riconoscimento pubblico.
Ma quale verità?
La parola rimanda agli albori della cultura greca quando irruppe sulla scena nella ricerca di una via lontana dal cammino consueto degli uomini e divenne poi protagonista dello scontro tra Socrate e i sofisti durante il primo esperimento di democrazia in Atene. Si è scelto perciò di interrogare quelle origini non per trovare risposte definitive, ma per riscoprire il nascere di quegli antichi dilemmi che ancora ci riguardano.

Il Festival si avvale della collaborazione di filosofi , filologi, storici, scienziati, letterati, poeti; indaga l’universo femminile, fonte di verità spesso nascoste; cerca di dare spazio ai giovani studenti e al mondo della scuola che ha bisogno di ritrovare l’entusiasmo che solo può garantire il realizzarsi di questa promessa di libertà che viene annunciata; indaga il rapporto del singolo con sé stesso e con i beni veri e falsi cui tende la sua libertà; dà voce al bisogno di smascherare il falsovero che domina il nostro mondo, troppo inquinato dalle fake news per non cercare di arginarne la deriva demagogica.

il programma in pdf

2018 | Res publica. Il potere dei cittadini

I classici hanno un futuro.
Non offrono risposte semplici, ma ripropongono antichi dilemmi.
Non presentano un’immagine unilaterale, ma ci propongono una preziosa dialettica di opzioni divergenti.
Se la storia non è un fluire senza senso, gli antichi Greci e Romani costituiscono un laboratorio di domande e soluzioni provvisorie con cui cimentarsi senza soggezione né senso di inferiorità.

il programma in pdf

null